La sede centrale di Torino

Icona inaugura la nuova sede a Torino
Torino, 22 febbraio 2018 – La società italiana di design Icona, fondata nel 2010 a Torino, inaugura la nuova sede di piazza Maria Teresa. I nuovi uffici sono stati individuati appositamente nel cuore di Torino, a sottolineare il legame tra il nuovo modo di concepire il business di Icona con la culla del design e dell’industria automobilistica italiana. Piazza Maria Teresa è infatti uno degli scorci più belli del capoluogo subalpino.

Nel centro stile Icona la modernità degli arredi e la classicità dell’architettura ottocentesca si integrano grazie all’attento studio del Global Design Director Samuel Chuffart. Il nuovo centro stile ospita oggi 16 dipendenti che operano in stretta collaborazione con gli altri 14 colleghi del centro di design di Los Angeles, aperto nel 2016, e gli 89 della sede di Shanghai, operativa dal 2010. Icona nasce nel 2010 in Italia, a Torino, dove si concentrano il know-how e molte realtà automotive riconosciute globalmente: studi di design, aziende manifatturiere, università e centri di ricerca. Fondatori e azionisti di Icona sono Teresio Gigi Gaudio, top manager di successo con esperienza in Aprilia, Fiamm e Stile Bertone, e attualmente anche Executive Deputy Chairman in Coeclerici, e le aziende torinesi Tecnocad e Cecomp. La Tecnocad di Germano Cini ha recentemente inaugurato la nuova sede “Manta22”, una struttura tutta vetri e tecnologia di oltre 22.000 metri quadrati che sorge nell’area dell’ex Centro Stile Fiat, a Mirafiori, mentre nel mese di giugno 2017, Cecomp ha inaugurato un nuovo stabilimento a Piobesi, dedicato alla lavorazione di componenti in alluminio, attività in cui la società fondata da Giovanni Forneris e oggi gestita dai due fratelli Paolo e Gianluca Forneris eccelle a livello mondiale. Dice Gaudio: “Avevamo subito intuito che l’affermazione di una nuova realtà attiva nel design automobilistico, pur attingendo al bacino di solide e pregiate competenze presenti sul territorio, non avrebbe avuto futuro secondo i modelli di business che hanno fatto grandi le aziende torinesi storiche dell’auto. Era necessario nascere aperti al contesto internazionale, ai nuovi clienti ricchi di
nuovi progetti ma ancora privi di quella cultura automobilistica necessaria per ottenere prodotti di alta qualità. Icona in sette anni è passata da 6 a 16 clienti e ha chiuso il 2017 con 18 milioni di Euro di fatturato consolidato e 1,4 milioni di Euro di utile: un bel risultato, per un’azienda giovane che vende solo design.”
La prima show car a marchio Icona fu disegnata proprio a Torino: la Fuselage, filante berlina a quattro posti dalla linea sensuale e sportiva. L’ultima, nata in piazza Maria Teresa, è la Lvchi Urano, presentata a Shanghai l’8 gennaio scorso, un concept a propulsione elettrica disegnato e creato ad hoc per soddisfare le esigenze della clientela asiatica del futuro.

“I designer dei tre studi di Torino, Shanghai e Los Angeles sono di ben 21 nazionalità diverse” spiega Chuffart, “e si occupano dell’intero sviluppo di molti progetti, attraverso una comunicazione collaborativa costante ed efficace, lavorando in sintonia sui fusi orari. Questo approccio ci consente di gestire oggi ben 22 progetti contemporaneamente.”
Secondo l’amministratore delegato di Icona srl Paolo Forneris la chiave del successo è “il lavoro a stretto contatto con il cliente che si fonda su una conoscenza rivolta all’intero processo; dal management allo stile, dall’ingegneria ai prototipi fino ad arrivare alla produzione. I membri del team di Icona, grazie alla loro esperienza e al loro entusiasmo, sono accompagnati anche dalle conoscenze professionali dei fondatori che assicurano una solida base ai progetti di sviluppo, mostrando ai propri clienti una prospettiva diversa, nuova e innovativa.”