Nucleus

Nucleus rappresenta la sintesi tra visione futurista e approccio antropocentrico. Il nuovo prototipo sviluppa
ulteriormente il concept Icona Neo, ridefinendo la modalità stessa di utilizzo dell’autovettura.
Neo apriva la strada al mondo di domani, Nucleus ci porta direttamente nel futuro.

La Icona Nucleus incarna la visione con cui l’azienda italiana guarda al futuro della mobilità. Lanciato nel 2015,
il concept Icona Neo ha dimostrato che i veicoli elettrici di domani possono diventare una realtà tangibile.
Con il suo sistema di guida interamente autonomo di livello cinque, la Nucleus compie un salto in avanti di
due generazioni. All’interno della vettura, l’assenza di un conducente non comporta soltanto l’eliminazione
di volante e cruscotto, ma diventa un’opportunità per ridefinire gli spazi del viaggio, in cui l’attenzione non si
concentra più sulla strada bensì sulla destinazione.
La tecnologia deve essere palpabile ma invisibile e per questo motivo è stato adottato un approccio secondo
cui “meno è meglio”, dando vita a una carrozzeria fluida e scolpita che coniuga le esigenze dell’aerodinamica e
dell’ergonomia. Oltre alla sua innovazione tecnologica, la Nucleus ci offre una visione del futuro per la prossima
generazione di autovetture, che aspira ad essere socialmente responsabile mediante il rispetto non solo per
l’ambiente naturale ma anche per quello umano. Icona Nucleus: guida autonoma e Massimo del comfort.
La mobilità del futuro sarà molto diversa da ciò che conosciamo oggi, con un alto numero di veicoli
elettrici, condivisi e a guida autonoma che fungeranno da trait d’union per singoli individui o piccoli gruppi
tra l’infrastruttura della mobilità di massa e i grandi hub di destinazione. Ciononostante, il futuro si pone
come una realtà variegata in cui le auto continueranno a rispecchiare le nostre esigenze e a esprimere la
nostra individualità. Con un sistema a guida interamente autonoma, possiamo fare un uso molto più ampio
dell’automobile per le nostre esigenze familiari: l’auto può accompagnarci all’aeroporto, tornare indietro
a prendere i bambini a scuola e più tardi portare i nonni a un appuntamento dal medico. L’automobile
trascorrerà molto meno tempo parcheggiata e verrà utilizzata in modo molto più proficuo su strada. Non sarà
più necessario avere molteplici vetture, ne basterà una che per sua stessa natura sarà un luogo eccellente
in cui trascorrere del tempo: il suo utilizzo e la sua versatilità si rispecchieranno direttamente nelle molteplici
possibilità di allestimento degli interni.

Un design essenziale per gli esterni
“Un mezzo di trasporto di prima classe, elegante e senza soluzione di continuità” afferma Samuel Chuffart,
Global Design Director di Icona.
Gli esterni della monovolume si differenziano da qualsiasi altro veicolo mai visto. L’aspetto è piacevole e
funzionale. Il profilo e le superfici esprimono la volontà dei progettisti di creare un veicolo capace di muoversi
fendendo l’aria in maniera silenziosa ed efficiente. Essendo dotata di un sistema interamente autonomo, la
vettura non prevede finestrini laterali in senso tradizionale, bensì pannelli semi-trasparenti in tinta con la
carrozzeria che consentono agli occupanti di guardare fuori, restando comunque protetti da sguardi indiscreti
durante gli spostamenti. La superficie vetrata superiore, dal parabrezza all’intera capote, è asimmetrica,
suddivisa tra vetro semi-trasparente e interamente trasparente, a ribadire visivamente il carattere del tutto
differente di questo veicolo.
L’Icona Nucleus è un lounge di lusso semovente: la carrozzeria laterale è caratterizzata da una linea allungata ed
elegante che enfatizza la natura lussuosa del veicolo. Come una bolla protettiva, la Nucleus accoglie e avvolge
i suoi passeggeri, offrendo nel contempo un’eccezionale visibilità dell’esterno, grazie a una superficie vetrata
estremamente ampia che copre gran parte della carrozzeria superiore.
La carrozzeria asimmetrica dal punto di vista grafico è divisa in due sezioni rimarcate da una linea diagonale che
attraversa la capote dalla parte anteriore destra alla parte posteriore sinistra, dividendo il vetro trasparente da
quello semi-trasparente. La vettura è dotata di un’unica grande entrata, collocata a destra, sul lato di sicurezza.
Include la portiera scorrevole principale e l’apertura a conchiglia della capote affinché i passeggeri possano
accedere agevolmente all’abitacolo.
Con una lunghezza di 5,25 metri e una larghezza di 2,12 metri, la Nucleus è alta 1,75 metri e poggia su cerchi da
27 pollici. Il suo design elegante e slanciato, dotato di un diffusore integrale nel sottoscocca, e le aerodinamiche
estensioni del passaruota portano il coefficiente CX poco sotto lo 0,22 che rappresenta un valore eccellente,
capace di migliorare la resistenza al rotolamento e il consumo di energia della vettura. La tecnologia del
motore integrato nelle ruote contribuisce a ottimizzare lo spazio all’interno della Nucleus e il range extender ad
idrogeno può portare l’autonomia a 1200 chilometri.

Interni lussuosi come in un salotto
Ora che tutti gli occupanti del veicolo sono passeggeri, l’interazione e l’individualità del loro spazio personale
diventano aspetti prioritari. Abbiamo la possibilità di soddisfare singolarmente le preferenze di ogni passeggero
grazie alla flessibilità di disposizione dei sedili. La strada è là ed è visibile, ma non è più al centro dell’attenzione
di tutti i passeggeri, è come essere al cinema. Questo salotto da viaggio di prima classe non è un concetto così
strano se si pensa ai viaggi in aereo. La flessibilità di movimento di ogni passeggero, insieme all’Infotainment
gestito dal computer di bordo dell’auto, danno un senso di lusso che va ben oltre i materiali e la finitura che ci si
aspetta da un veicolo così moderno e sofisticato.
Non è poi così diverso dall’iPhone, che ha cambiato il nostro modo di concepire il telefono: fare molto di più con
quanto in apparenza sembra essere meno.
La Nucleus può comodamente ospitare sei persone. I sedili possono essere regolati per adattarsi a
utilizzi diversi: è possibile ruotarli affinché siano rivolti verso il tavolino o i passeggeri posteriori, reclinarli
considerevolmente e persino trasformarli in un divano al centro. I larghi sedili sul davanti e sul retro rendono
lo spazio interno confortevole e accogliente come in un salotto di lusso. A un passeggero che viaggia sulla
Nucleus diretto verso un hotel a cinque stelle sembrerà di avere già preso possesso della sua camera. Sono
inoltre previsti un piccolo tavolino e tutti gli spazi necessari per utilizzare e connettere computer portatili, così
come un angolo bar, in modo da rendere fruibile per il lavoro o l’intrattenimento anche il più breve dei viaggi.
In quanto auto di lusso, l’ispirazione per la Nucleus è arrivata sia dagli aerei Concorde che dagli yacht. Una
forma aerodinamica che si muove con eleganza attraverso paesaggi metropolitani e naturali. Uno stile
che dopotutto può riportarci al fascino dell’immagine del viaggio nei lontani anni ‘30: un tempo in cui non
esistevano design aggressivi per concretizzare i desideri di guida delle persone. Nonostante le capacità
dinamiche che ovviamente andrebbero ben oltre quanto sarebbe possibile ottenere con un’auto di quelle
dimensioni, la Nucleus mostra un mondo più maturo e pacifico che ci attende.